• ASA_3613.JPG
  • ASA_5702.jpg
  • ASA_5891.jpg
  • DSC_6099.JPG
  • DSC_6132.JPG
  • DSC_6139.JPG
  • DSC_6141.JPG
  • DSC_6149.JPG
  • DSC_6269.JPG
  • DSC_6291.JPG

MODIFICA LEGGE SULLA POLIZIA LOCALE

Carissimi amici e colleghi, finalmente dopo un lungo periodo di oblio e circolari ministeriali volte sempre a disconoscere la potestà legislativa regionale, attribuendo agli strumenti di autotutela la classificazione di "armi comuni" qualunque sia la tipologia, forma, peso, materiali ecc. ecc., vietando l'assegnazione al personale pena denunce penali, il Senatore Maurizio Saia è riuscito a fare ripartire il provvedimento.
Auguriamoci che perseveri e che riesca a condurlo in porto, sapendo che la categoria Polizia Locale è in attesa ormai da troppo tempo. Riporto qui sotto la comunicazione che ho ricevuto, con il link al sito del Senatore, dove in 17 pagine è riportato tutto l'iter ufficiale per potere finalmente arrivare alla votazione del provvedimento. Forza Maurizio !
Gianfranco Peletti

Padova, 7 aprile 2011
Perché la legge sulla Polizia Locale si era bloccata. Perché ora riprende il suo iter.
Era il 30 settembre del 2010 quando la Commissione Bilancio del Senato con un certo ritardo (visto che il Testo Unico di Polizia Locale era stato presentato dai due relatori Saia e Barbolini alcuni mesi prima) chiedeva al governo una relazione tecnica sul testo stesso di riforma.
Affinchè una legge venga approvata il parere della Commissione Bilancio è l’unico, ai sensi dell’art. 81 della Costituzione, ad essere obbligatorio .
Era dunque settembre quando l’iter di questa Legge si bloccava in Prima Commissione Affari Costituzionali del Senato, proprio all’inizio delle votazioni sugli emendamenti, restando in attesa del parere della Quinta Commissione Bilancio.
Dopo innumerevoli richieste scritte e verbali, dopo aver mosso ministri, sottosegretari, presidenti di commissione, maggioranza e opposizione del Parlamento, il sottoscritto grazie al solerte e determinante lavoro di un funzionario del Servizio bilancio del Senato, è riuscito a tirar fuori dai cassetti la suddetta relazione.
È importante notare le date: il Ragioniere Generale dello Stato, Dott. Canzio, in data 18 novembre, presentava la relazione tecnica al proprio ministero di competenza (Economia e Finanze), il quale la protocollava il 29 novembre e la inviava solamente il 18 gennaio 2011 alla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per i Rapporti con il Parlamento. La Presidenza del Consiglio, il giorno seguente, 19 gennaio, inviava al Presidente della Commissione Bilancio del Senato, la relazione tecnica.
Non ho nessuna intenzione di commentare i tempi e i luoghi di questo “inceppamento”, ho invece intenzione di pubblicare tutti gli atti affinchè democraticamente e con trasparenza i cittadini possano commentare e farsi un’idea del come e perché le leggi impiegano anni per essere approvate:  www.mauriziosaia.it/materiali/DDLpolizialocale.pdf
Ora la Commissione Bilancio, con il fiato al collo del sottoscritto, rapidamente darà il suo parere alla Prima Commissione e nel giro di qualche settimana finalmente potremo votare in Commissione Affari Costituzionali il provvedimento.
Per me la battaglia continua con determinazione!
Maurizio Saia

PO.LO 2009: CONGRESSO NAZIONALE POLIZIA LOCALE  che si terrà a Roma dal 15 al 18 aprile p.v.

Organizzato dall'Associazione Vigile Amico, con partecipazione gratuita sponsorizzata da Sicurezza e Ambiente, la manifestazione si svolgerà presso il Summit Conference Hotel, Via Stazione Aurelia 99.
Il Congresso si propone di diventare un appuntamento periodico dove affrontare con un taglio pratico e operativo, sorretto da autorevoli supporti tecnico-giuridici, le principali innovazioni legislative e giurisprudenziali che definiscono gli ambiti e le competenze affidate alla istituzionale competenza della polizia locale.
Il Congresso si articolerà in due sessioni di approfondimento scientifico inerenti la polizia giudiziaria e la polizia stradale ed una terza di confronto diretto con la cittadinanza sul tema specifico della “necessità ed utilità dei sistemi di protezione passivi durante la circolazione”.
La prima giornata sarà dedicata all’analisi dei riflessi operativi prodotti in materia di polizia giudiziaria dal recente pacchetto sicurezza e dalla conseguente normativa attuativa di dettaglio.
La seconda sarà concentrata sulla polizia stradale, argomento sempre in continua evoluzione normativa e giurisprudenziale dove la necessità di aggiornamento è sentita più che in altri settori di intervento.
I terzo ed ultimo giorno sarà dedicato, sempre in riferimento ai temi specifici della polizia stradale, ad un confronto con la cittadinanza finalizzato alla sensibilizzazione dell’utenza sulla necessità e sull’utilità dell’utilizzo dei sistemi di ritenuta e di protezione passiva.
Il corpo docente è rappresentato da dirigenti di importanti strutture operative nazionali o locali, funzionari di Ministero e Comandanti di Polizia Municipale, attivi da sempre nelle specifiche tematiche trattate, obbligati, per compiti istituzionali, a coniugare le conoscenze tecnico-giuridiche acquisite con la necessità di una loro proiezione praticooperativa.
L’obiettivo di PO.LO 2009 è quello di fornire a tutti i colleghi comunque impegnati nell’applicazione di normative di polizia locale un importante momento di confronto ed approfondimento.

La nostra società, prima in Italia, ha progettato e inaugurato un nuovo percorso formativo riguardante la sicurezza, questa volta per gli operatori sanitari.

Nel mese di novembre del 2008, il Ministero della Salute ha emanato una raccomandazione per prevenire gli atti di violenza a danno degli operatori sanitari.  L’Ospedale Luigi Sacco di Milano, che oltre che Azienda Ospedaliera è anche Polo Universitario, ha raccolto l’invito e dopo avere fatto una ricerca di mercato ci ha selezionato per progettare insieme un percorso finalizzato ad aumentare la sicurezza degli operatori sanitari, in particolare della Psichiatria e del Pronto Soccorso che sono i reparti di “prima linea”.
Dopo un lavoro di studio e progettazione durato circa quattro mesi, condotto per l’Ospedale dalla Prof.ssa Carmen Mellado (figura di riferimento in ambito universitario e internazionale), dal Dott. Claudio T. Pagani e altri collaboratori con il nostro Direttore Cav. Gianfranco Peletti è nato il programma del corso che nell’anno  2008 vedrà coinvolti, suddivisi in classi, 20 medici, 20 infermieri professionali e 20 collaboratori sanitari per un totale di 40 ore di formazione (qualificata anche per i crediti E.C.M.).
All’inaugurazione della prima edizione del corso, moderati dal Dr.Claudio T.Pagani  Referente per la formazione DSM,  hanno partecipato:

• Il Direttore generale Dr. Luigi Corradini
• Il Direttore sanitario Dr. Callisto Bravi
• Il Direttore Amministrativo Dr. Michele Brait
• Il Direttore Medico di Presidio Dr.ssa Lucia Dolcetti
• Il Direttore del Dipartimento di Salute Mentale Dr.ssa Carmen Mellado
• Il Direttore U.O. Medicina del Lavoro Dr. Paolo Carrer
• Il Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione Dr. Franco Mariani
• Il nostro Direttore, Cav .Gianfranco Peletti
• Dr.Massimiliano Percio – Istruttore - Tecnico Esperto della Relazione
• Dr.Roberto Colombo - Istruttore – Polizia Locale Provincia di Milano
• Dr. Davide Perego – Criminologo

Durante il percorso di formazione, l’impianto che è attivo e di tipo aperto, prevede momenti di verifica e interazione da parte dei partecipanti. Il corso si concluderà con una prova pratica finale e la compilazione dei modelli di customer satisfaction, da cui sarà possibile estrapolare il raggiungimento degli obiettivi prefissati e il gradimento dei partecipanti, cosi’ da potere calibrare e tarare al meglio le successive edizioni.

Cliccare qui per ulteriori informazioni sul corso

2 aprile 2008 - In occasione di un convegno sulla sicurezza per la Polizia locale, organizzato a Serravalle Scrivia dal S.U.L.P.M., ho avuto modo di ascoltare e di apprezzare una relazione fatta dal Prof Sergio Garbarino sulla sindrome da burnout, che mi ha fatto scattare il desiderio di interessarmene perché strettamente collegato alle attività di formazione.

 

 

Per migliorare la tua navigazione su questo sito si utilizzano cookies e tecnologie simili Proseguendo con la navigazione ne accetti l'utilizzo leggi l'informativa